CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR – SEBASTIAN STAN PARLA DELLA SUA ESPERIENZA ALLA MARVEL.

Attualmente in tour per promuovere Sopravissuto: The Martian di Ridley Scott, Sebastian Stan non ha ovviamente perso l’occasione di parlare riguardo la sua avventura nell’universo Marvel, dove veste i panni di Bucky Barnes aka Il Soldato d’Inverno.

Ha raccontato l’attore sui suoi primissimi giorni nella major:

«Ero in un ufficio con Kevin Feige e ad un certo punto ricordo che hanno iniziato ad educarmi. Non sapevo nulla. Non sono cresciuto coi fumetti. Non sapevo nulla di tutto ciò. Quindi, mi stavano tipo spiegando, ‘Questo è quello che succede a Bucky, diventa il Soldato d’inverno’. E io facevo cenno col capo dicendo, ‘Ok, questo è cool, ma state parlando con me perché ho ottenuto la parte di questo Soldato d’inverno? State dicendo che dovrei essere eccitato’?».

Prosegue:

«Quando Kevin venne sul set di Civil War, gli ho chiesto, ‘Come ti senti a venire su questo set e vedere queste persone?’, e mi ha detto chiaramente, ‘Sì, ne stavamo parlando, ma la verità è che non sapevamo che saremmo riusciti a farlo’. Non sapevano veramente che sarebbero riusciti a fare Civil War. Non sapevano nemmeno che sarebbero riusciti a fare Winter Soldier».

Infine, un piccolo aneddoto su Ant-Man, dove il nostro partecipa alla scena extra dopo i titoli di coda: «Ce l’hanno detto solo due o tre giorni prima. Erano tipo, ‘Oh, è vero, faremo anche questa cosa’. E a quel punto, è stato bello vedere le scene già girate per la pellicola».

Diretto da Anthony e Joe Russo, ricordiamo che Captain America: Civil War uscirà nelle sale italiane il 4 maggio 2016. Oltre al Capitano e a Bucky Barnes, qui ritroveremo altri amatissimi eroi, da Iron Man a Vedova Nera, passando per Scarlet Witch e Occhio di Falco, senza ovviamente dimenticarci la prima attesissima apparizione del nuovo Spider-Man.

Fonte: Bestmovie.it

CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR – SEBASTIAN STAN PARLA DELLA SUA ESPERIENZA ALLA MARVEL.ultima modifica: 2015-09-30T18:58:16+02:00da RedBrickMarvel
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento